La geografia
Il territorio della Repubblica Dominicana comprende la parte orientale dell'isola di Hispaniola, situata nel Mar dei Caraibi, seconda isola per dimensioni delle Antille (dopo Cuba). La superficie è di 48 442 km². Il paese ha un solo confine terrestre con la repubblica di Haiti ad ovest, ed è bagnata dall'Oceano Atlantico a nord e dal Mar dei Caraibi a sud; il canale della Mona separa la repubblica Dominicana da Porto Rico.
Il territorio dominicano è prevalentemente montuoso, dominato dalla Cordillera Central, nella quale spicca il Pico Duarte, massima vetta dei Caraibi, di 3 087 metri. Altre catene montuose sono la Cordillera Septentrional o Sierra de Monte Cristi, la Cordillera Oriental, la Sierra de Yamasá, la Sierra de Samaná, la Sierra de Baoruco, la Sierra de Neyba e la Sierra Martín García.
Tra la cordigliera centrale e quella settentrionale si estende la valle del Cibao, un'ampia e fertile pianura che dà il nome all'intera regione settentrionale del paese. Nella zona sud-orientale si estende un'altra ampia pianura costiera.
Il lago più grande nel territorio dominicano è il lago Enriquillo (265 km2), di origine oceanica e con la superficie 46 metri sotto il livello del mare.
La Repubblica Dominicana è suddivisa amministrativamente in 31 province. In aggiunta a queste è stato istituito il Distrito Nacional (Distretto Nazionale), costituito dalla parte centrale della città di Santo Domingo.
Le province si suddividono a loro volta in municipi (municipios). I municipi più grandi contengono uno o più distretti municipali (distritos municipales).
Azua, Bahoruco, Barahona, Dajabón, Duarte, Elías Piña, El Seibo, Espaillat, Hato Mayor, Independencia, La Altagracia, La Romana, La Vega ,
María Trinidad Sánchez, Monseñor Nouel, Monte Cristi, Monte Plata, Pedernales, Peravia, Puerto Plata, Hermanas Mirabal, Samaná, Sánchez Ramírez, San Cristóbal, San José de Ocoa, San Juan, San Pedro de Macorís, Santiago, Santiago Rodríguez, Santo Domingo, Valverde.
La capitale Santo Domingo è la città più popolosa: includendo i diversi municipi in cui è divisa (in due diverse province) nella sua area metropolitana risiedono circa 3 milioni di abitanti. Altre città importanti sono Santiago de los Caballeros (700.000 abitanti), Los Alcarrizos (273.000), Higüey e La Vega (250.000)
Il clima è tropicale caraibico, con piogge abbondanti e ovvie fasce climatiche in relazione all'altitudine . Le temperature medie annuali (tra il valore minimo ed il massimo giornaliero) variano dai 19,5 °C ai 15° delle altitudini uguali o superiori a 1000 mt slm fino a 1500 mt slm , dai 15 °C ai 10 °C dai 1500 mt slm fino ai 2000 mt slm, dai 10 °C ai 5 °C dai 2000 mt slm sino ai 2500 mt slm dai 5 °C gradi agli 0 °C gradi da 2500 a 3000 mt slm, ai 26,5 °C al livello del mare. A 200 mt slm si contemplano circa 25,5 °C gradi di media annuale, per passare a 24 °C a 400 mt slm, 22,5 °C a 600 mt slm e 21 °C di media ad 800 mt slm. Le massime possono di norma raggiungere 40 °C nelle valli protette durante i periodi caldi, mentre è comune che si raggiungano 5 °C in montagna nella stagione meno calda ma sicuramente più umida, la stagione delle piogge (Ottobre Novembre e Dicembre, può essere interessato anche Gennaio).Tuttavia, come intuibile, in quota le precipitazioni nevose sono assai scarse data la penuria di montagne molto elevate (ad eccezione del Pico Duarte che svetta appena sopra i 3000 m slm)
A seconda della stagione (delle piogge o secca) e in relazione all'elevazione massima del Sole nel cielo, per la latitudine media del paese, le giornate tecnicamente durano da 11 ore ad appena meno di 13 ore e 16 minuti.
La stagione delle piogge inizia a maggio e termina a novembre, anche se nella regione settentrionale del paese le piogge continuano anche durante il mese di dicembre. Il carattere torrenziale delle piogge causa numerosi smottamenti, anche se i danni maggiori sono causati dagli uragani e dalle tempeste tropicali, la cui stagione va normalmente da agosto a ottobre.